• IL PALAFLORIO: Concerti - Spettacoli - Eventi Sportivi a Bari
5 Apr 2017

FEDEZ & J-AX in "COMUNISTI COL ROLEX" Tour 2017

Dopo aver di fatto dato il via al 2017 del capoluogo pugliese con un seguitissimo concerto nella notte di Capodanno in Piazza della Libertà, J-Ax e Fedez tornano a far scatenare Bari con il loro “Comunisti col Rolex” Tour: mercoledì 5 aprile ci sarà da divertirsi al Palaflorio con il concerto che prende il nome dal loro primo album congiunto, uscito lo scorso 20 gennaio e schizzato subito al numero 1 per vendite nella classifica stilata dalla Federazione Industria Musicale Italiana.

Quasi quaranta brani in scaletta per oltre due e mezza di energia, ritmo e adrenalina pura, tenendo però sempre come punto di riferimento quella ribelle ironia sulle contraddizioni di un’Italia troppo spesso schiava di stereotipi e preconcetti che è il motivo conduttore anche del disco che viene riproposto dal vivo quasi integralmente.

Ma oltre alle canzoni dell’album già ormai diventate un cult per i loro fans, come “Vorrei ma non posto”, “Assenzio” (certificato triplo disco di platino da singolo), “Fratelli di Paglia”, “Comunisti col Rolex”, “Musica del cazzo” e “Meglio Tardi che noi”, ad infiammare il pubblico barese, pugliese e di tutto il Sud Italia ci saranno naturalmente anche le grandi hits che hanno reso i due rapper idoli delle folle nel corso di una carriera straordinaria: “Cigno Nero”, “Domani smetto”, “Generazione boh”, “Maria Salvador”, “L’amore eternit”, “L’uomo col cappello”, “21 grammi”, “Il bello di esser brutti”, "Spirale Ovale" e chi più ne ha più ne metta, ci sono proprio tutte.

Grande musica con grandi musicisti (nel formidabile gruppo che accompagna i due artisti anche, tra gli altri, Paolo Jannacci al pianoforte), ma anche uno show geniale, ricco di trovate brillanti, effetti speciali semplici e allo stesso tempo sorprendenti, una scenografia che rappresenta la piramide sociale descritta nel disco: Comunisti col Rolex è uno dei tour più attesi dell'anno e non è difficile comprenderne il perchè.

CONDIVIDI SU: